IL GIOCO E' RISERVATO AI MAGGIORI DI 18 ANNI E PUO' CREARE DIPENDENZA PATOLOGICA
I CONTENUTI DI QUESTO SITO SONO RISERVATI AI MAGGIORENNI.

La cultura dello Scopone Scientifico

A Portata di Mouse


Un gioco a carte che si definisce scientifico attrae inevitabilmente molta curiosità ed altissime aspettative.

Le partite a scopa che divertono famiglie e compagnie di amici in spiaggia acquisiscono un'aurea speciale, divengono sfide per menti sublimi che entrano in competizione fra loro.

Non a caso grandi intellettuali e personaggi celebri amavano praticare lo scopone scientifico al quale ha reso omaggio anche un celebre film di Luigi Comencini.

La vittoria ai Mondiali di calcio del 1982 è immortalata da tanti immagini indelebili: i gol di Paolo Rossi, l'urlo di Marco Tardelli, la coppa sollevata al cielo e la celebre partita a scopone durante il viaggio di rientro?Attorno ad un tavolo il Presidente della Repubblica Sandro Pertini, l'allenatore degli Azzurri Enzo Bearzot ed i calciatori Dino Zoff e Franco Causio. Personaggi distinti ed eleganti concentrati a fissare le carte da calare su un tavolino d'aero dove campeggia la coppa appena conquistata. La cronaca ci narra che la coppia vincitrice sia stata quella formata da Bearzot e Causio e che il Capo dello Stato Pertini si sia significativamente irritato per sconfitta subita.

Prima di loro il Premio Nobel della Letteratura Luigi Pirandello rivelò il suo amore per lo scopone ed è rimasta celebre l'intervista nella quale lo scrittore lamenta la difficoltà a reperire le classiche carte da gioco italiane, soppiantate da quelle francesi.

Se Pirandello ha celebrato in più occasioni lo scopone attraverso sublimi parole, Guttuso l'ha fatto attraverso la sua eccelsa pittura.

Il quadro Giocatori di scopone del 1981 imprime sulla tela quattro uomini con fronti corrucciate ed espressioni intense che trasmettono perfettamente la tensione insita nel gioco.

Restando nel mondo dell'arte è doveroso rendere omaggio a Luigi Comencini che nel 1972 ha dedicato un film al gioco di carte il quale viene a rappresentare una sorta di metafora della società.

Non sveliamo se alla fine vincerà Alberto Sordi, in coppia con Silvana Mangano, oppure Bette Davis insieme a Joseph Cotten, non vogliamo di certo intaccare la magia del film e la suspance che sapientemente crea?